Abbonati gratuitamente a L’Opinabile Rivista

Entra nella comunità degli Opinabili! Scrivici su lopinabile.redazione@gmail.com oppure compila il modulo qui accanto. Riceverai ogni nuovo numero de L’Opinabile, e ti terremo informato delle attività della nostra associazione culturale e delle novità del sito www.lopinabile.it.

L’Opinabile non è soltanto un sito con interessantissimi articoli di cultura e approfondimento ma anche e soprattutto una rivista politematica di critica in formazione da scaricare gratuitamente. Abbonandovi potrete ricevere comodamente sulla vostra casella di posta elettronica ogni uscita de L’Opinabile, in maniera del tutto gratuita e libera. Se volete stampare la Rivista, o inviarla ai vostri amici, noi ne saremo ben lieti. Se volete spingerli a fare anche loro una donazione per la ricerca universitaria e di inchiesta, ne saremmo ancora più contenti.

Per entrare a far parte della nostra comunità, basta inviare una email a lopinabile.redazione@gmail.com, oggetto “abbonamento gratuito“. Invieremo un’email di conferma con l’ultimo numero in allegato, e da adesso riceverete gratuitamente ogni nuova uscita!

Avrete così accesso alle nostre rubriche e interventi di giornalisti e ricercatori su architettura, cultura araba e siriana, storia e politica dell’est europeo, enogastronomia, fisica, linguistica, cinema, mitologia contemporanea e molto, molto altro.

Inutile dire che non cederemo i vostri dati a terzi.

Grazie e complimenti per aver scelto di far parte degli Opinabili!

lopinabile.redazione@gmail.com

Clicca per leggere il programma de L’Opinabile Rivista

C’è un quadro di Klee che si chiama Angelus Novus. Vi è rappresentato un angelo che sembra in procinto di allontanarsi da qualcosa su cui ha fisso lo sguardo. I suoi occhi sono spalancati, la bocca è aperta, e le ali sono dispiegate. L’angelo della storia deve avere questo aspetto. Ha il viso rivolto al passato. Là dove davanti a noi appare una catena di avvenimenti, egli vede un’unica catastrofe, che ammassa incessantemente macerie su macerie e le scaraventa ai suoi piedi. Egli vorrebbe ben trattenersi, destare i morti e riconnettere i frantumi. Ma dal paradiso soffia una bufera, che si è impigliata nelle sue ali, ed è così forte che l’angelo non può più chiuderle. Questa bufera lo spinge inarrestabilmente nel futuro, a cui egli volge le spalle, mentre cresce verso il cielo il cumulo delle macerie davanti a lui. Ciò che noi chiamiamo il progresso, è questa bufera. (W. Benjamin, Sul concetto di storia, Einaudi, 1997, pp. 35-7)