La classifica delle migliori università al mondo: cresce il Politecnico di Milano

Condividici

Crescono le università italiane ma, su scala mondiale, molto c’è ancora da fare per raggiungere i massimi livelli. E’ quanto emerge dalla fotografia ‘scattata’ da Quacquarelli Symonds nell’ambito del World University, una sorta di classifica dei migliori atenei al mondo sia a livello generale che per singole discipline; per realizzare il ranking, iniziato nel 2004 per valutare i migliori atenei del mondo, sono state prese in esame 185 milioni di citazioni, 149mila risposte dei responsabili delle risrse umane, 305mila da parte degli accademici e ben 49 milioni di papers, allo scopo di tracciare una classifica estremamente accurata. E se le università del Belpaese, globalmente, non risultano ancora sufficientemente competitive, riescono a mostrare la loro forza nelle specificità delle discipline.

Nel ranking generale delineato da Qs infatti, l’Italia si piazza solo al 187° posto con il Politecnico di Milano, che risulta essere però nella top 100 al mondo per 10 discipline ed in particolare in Arte e Design, ambito nel quale passa dalla 10a alla 7a posizione al mondo, regalando il miglior risultato in una singola disciplina mai ottenuto prima d’ora da parte di un’università italiana. Ottimi sono i risultati di questo Ateneo anche in Architettura, dove sale dalla 15a alla 14a posizione, ricofermandosi al 14° posto anche in Ingegneria Civile, ma deve fare i conti con il forte arretramento di Ingegneria meccanica che dalla 18a piazza dell’ultima certificazione Qs, raggiunge addirittura la 29a. Al top della classifica generale, con 36 materie di studio nelle prime 10 posizioni, su un totale di 46 discipline prese in esame, troviamo invece l’Università di Cambridge seguita da quella di Berkeley, California, con 34 piazzamenti.

Si torna in Inghilterra per la terza piazza, con l’Università di Oxford a parimerito con quella americana di Harvard, entrambe con 32 materie ma con Harvard che vanta ben 15 primi posti. La classifica prosegue con tre Atenei nordamericani: si comincia con Stanford, proseguendo con il Massachusetts Institute of Technology e l’Università della California rispettivamente con 32, 21 e 14 piazzamenti; da segnalare i 12 primi posti dell’università del Massachusetts. Un vero e proprio dominio anglo-americano dunque con sei americane e tre inglesi nei primi dieci posti: da segnalare oltre alla London school of economics, che totalizza 13 piazzamenti seguita, all’ottavo posto dall’americana Yale con 12, dalla Eth, il Politecnico federale svizzero con 10 discipline piazzate e, per concludere, con i 10 piazzamenti di Princeton.

Tornando in Italia invece, l’Alma Mater di Bologna risulta essere l’università con il maggior numero di discipline, ovvero 21, con ottimi piazzamenti in Archeologia, dove l’Ateneo bolognese passa dalla 36a alla 32a posizione, in Anatomia (38esima) ed in Legge (47esima). Guardando invece alle macro aree di studio, ovvero Scienze sociali e del Management, Ingegneria e Tecnologia, Arte e Materie umanistiche, Biologia e Medicina, Scienze Naturali, è l’Università commerciale Bocconi di Milano a distinguersi con un buon diciassettesimo posto, migliorando di cinque posizioni, seguita dal Politecnico di Milano, in testa a livello nazionale in Ingegneria e Tecnologia e ventiquattresimo nella classifica internazionale e, 52esimo, il Politecnico di Torino. sulle singole discipline la Bocconi migliora in Economia ed Econometria passando dalla 17a alla 16a posizione ma scende sia in Business e Management (dalla 10a all’11a) che in Finanza (dalla 27a alla 33a).

L’università più frequentata d’Italia è La Sapienza di Roma, che può vantare un 14° posto al mondo in Archeologia mentre è 44a in Fisica e Astronomia, risultando complessivamente nella top 100 al mondo in 13 diverse discipline tra le quali Farmacia, Lingue Moderne, Matematica, Storia ed Atropologia. Sempre nella Capitale, da rilevare l’ottima crescita del Conservatorio Santa Cecilia in Arti dello Spettacolo, che in un solo anno è passato dal blocco tra il cinquantesimo ed il centesimo posto alla 28a posizione. Risaliamo chiudendo l’analisi delle Università italiane tornando al Politecnico di Torino, ottimo lo scatto all’insù di Ingegneria Civile che dal 37° passa al 35° posto e di Architettura, dal 50° al 46°. Chiudiamo con le altre università Milanesi, la Cattolica con 12 discipline ne primi cento posti e l’Università degli Studi con 5 materie nelle prime cento, a cominciare da Farmacia al 46° posto, proseguendo con Filosofia, Legge, Medicina e Lingue Moderne.

Daniele Orlandi

Be the first to comment

Leave a Reply

Your email address will not be published.


*